IL LAZIO TERRENO FERTILE PER IL NOSTRO FUTURO

Focus

Percorsi Partecipati, Strategie condivise, prospettive comuni

Prodotti tipici dei territori laziali

Nel Lazio si contano 27 prodotti tipici certificati di cui 16 DOP ed 11 IGP: un numero elevato in confronto alla maggior parte delle altre regioni italiane, se si eccettuano quelle a maggiore e più antica tradizione e vocazione alla tipicità (come, ad esempio, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Sicilia).

La lista comprende prodotti molto vari...

Leggi il Focus completo per approfondire leggi anche qui

Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

Roberto Passeretta - 2017-12-05 09:00
ROBERTO PASSERETTA - Socio fondatore AIMA e Federcarni-LT
Le carni laziali sono di elevata qualità e godono di ottima reputazione, in particolare per quelle ovi-caprine, avicole e bufaline. Le carni suine e bovine, pure ottime, sono meno rinomate. Gli allevamenti sono piccoli e lavorano nel pieno rispetto degli animali. Tra i prodotti della tradizione: porchetta di Ariccia, guanciale Amatriciano, coppiette di cavallo o suino, ed al prosciutto di Bassiano e molte varianti locali di salsicce. Ottimi pascoli e ambienti naturali vocati alla stagionatura delle carni sono i principali punti di forza. Le dimensioni degli allevamenti sono la prima debolezza in quanto limitano sostenibilità e competitività. Fortissima esigenza di ricambio generazionale e investimenti per accrescere le dimensioni aziendali. Aumentare e qualificare meglio la promozione del territorio con eventi legati al turismo, alla cultura, alle tradizioni. PAGELLA 7,5/10.
Francesco Praticò - 2017-12-05 09:00
FRANCESCO PRATICÒ - La tradizione-Roma
I clienti esigenti conoscono e apprezzano i prodotti tipici del Lazio (DOP/IGP e altri). Tra i più richiesti la Porchetta di Ariccia, Ricotta Romana e Pecorino Romano ma anche coppiette, marzolino, salsiccia di Monte San Biagio, guanciale di Amatrice, ed altri. Negli ultimi anni cresce la domanda anche per Caciofiore di columella, Prosciutto di Bassiano, olio della Tuscia. Pecorino Romano: problemi di reperibilità per qualità e stagionatura adeguate. Nel complesso, l’immagine è ancora debole; in particolare per il vino non più considerato come una volta anche se, il consumatore apprezza e cerca sempre le “buone cantine”. La crescente complessità degli adempimenti burocratici crea difficoltà serie. I tanti giovani che si affacciano con entusiasmo vanno incoraggiati e sostenuti. PAGELLA 7/10.
Luigi Pagliaro - 2017-12-05 09:00
LUIGI PAGLIARO - Slow-food Lazio
La valorizzazione dei prodotti tipici del Lazio è carente, sia rispetto al potenziale che rispetto ad altre regioni. È stato fatto molto e la situazione è migliorata. I punti di forza sono importanti: qualità dei prodotti, orientamento al biologico, sviluppo turistico, presenza di istituzioni di ricerca di eccellenza e connesse al tessuto produttivo. Tra le debolezze: scarsa capacità di fare sistema e arretratezza nella digitalizzazione che limitano la capacità di accesso ai mercati. Prevale una idea “casareccia” della qualità e anche la presentazione dei prodotti non è adeguata. In termini di reputazione la frequente sovrapposizione confusione tra Lazio e Roma non giova. Imprese e istituzioni dovrebbero sostenere le realtà innovative gestite da giovani. PAGELLA 6/10.
Marco Oreggia - 2017-12-05 09:00
MARCO OREGGIA - Flos Olei
L’olio di oliva laziale gode di ottima reputazione nel pur eccellente quadro nazionale. Alcune realtà della Tuscia e delle colline pontine puntano alto con ottimi risultati. Altre zone hanno scelto la quantità per aumentare la presenza sui mercati e sono meno legati all’eccellenza. In generale, i prodotti tipici laziali contano su: una storia millenaria, grandi spazi, punte di eccellenza assoluta ( lattiero-caseari e ortofrutticoli). La giusta valorizzazione è limitata dalla frammentazione, dalla incapacità di fare sistema e dallo scarso coordinamento istituzionale. L’ immagine d’insieme è poco convincente e incisiva. PAGELLA: 7,5/10.
E’ una iniziativa della Regione Lazio – Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca in collaborazione con Arsial e con il supporto tecnico di Agro Camera.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo