IL LAZIO TERRENO FERTILE PER IL NOSTRO FUTURO

Focus

Percorsi Partecipati, Strategie condivise, prospettive comuni

Cooperazione e organizzazione dei produttori

Le forme di cooperazione e aggregazione dei produttori agricoli sono molto diverse, le fonti sono, pertanto, di diversa natura e i dati, quando accessibili, sono frammentari e non omogenei. Solo in quei casi, in cui le forme di cooperazione sono regolamentate e soggette a valutazione, in quanto beneficiarie di fondi pubblici, esiste un quadro sufficiente e omogeneo di informazioni statistiche.

È questo il caso delle Organizzazioni...

Leggi il Focus completo

Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

Aurelio Pallavicino - 2017-12-05 09:00
AURELIO PALLAVICINO – Presidente OP Agrinsieme
L’OCM ortofrutta rappresenta la politica di sostegno più vicina alle esigenze della moderna agricoltura che coniuga flessibilità e velocità. È necessario tuttavia continuare a lavorare per valorizzare ancora di più il sistema ortofrutticolo laziale in un’ottica di qualità e sviluppo del territorio che vada di pari passo ad una maggiore semplificazione normativa e chiarezza applicativa.
Lorenzo Sala - 2017-12-05 09:00
LORENZO SALA – Presidente OP Mediana
L’OCM ortofrutta rappresenta un importante sostegno per le nostre aziende e per le OP della nostra Regione. Negli anni le attività sviluppate ci hanno consentito di produrre meglio nel rispetto dell’ambiente innalzando la qualità delle nostre produzioni ed il loro apprezzamento commerciale. Tuttavia è necessaria una semplificazione ed una maggiore chiarezza normativa che riduca il carico burocratico e gli oneri finalizzata ad un maggiore certezza giuridica delle norme da applicare ed ad una uniforme applicazione tra le diverse Regioni.
Massimo Baldan - 2017-12-05 09:00
MASSIMO BALDAN – Presidente OP Zeoli
La maggior parte della produzione frutticola aggregata della Regione Lazio fa riferimento ad Organizzazioni riconosciute in altre Regioni. Il Lazio rappresenta una delle principali regioni per la produzione del Kiwi. Sarebbe interessante un maggior coinvolgimento di queste produzioni nelle OP laziali per intraprendere azioni di sistema regionali.
Vincenzo Falconi - 2017-12-05 09:00
VINCENZO FALCONI – Direttore di Italia Ortofrutta Unione Nazionale
La necessità di aggregare la produzione ortofrutticola della regione Lazio rappresenta ancora uno dei principali obiettivi da perseguire unitamente alle attività che stimolino la cooperazione tra le imprese per fare massa critica del prodotto da commercializzare al fine di ridurre i decisori di vendita con l’obiettivo di far rimanere alla parte agricola aggregata una maggiore quota del valore aggiunto.
Carlo Russo - 2017-12-05 09:00
PROF. CARLO RUSSO (docente universitario)
L’azione collettiva dei produttori agricoli è un tradizionale strumento di sviluppo economico e progresso sociale nelle aree rurali. Sin dal medioevo si sono registrati numerose forme di collaborazione fra agricoltori finalizzate a ottenere collettivamente risultati che sarebbero impossibili da conseguire individualmente. Al giorno d’oggi, cooperative, organizzazioni produttori, consorzi di tutela e le altre forme di azione collettiva e aggregazione della produzione offrono una concreta strategia per conciliare la frammentazione del tessuto aziendale regionale con una efficace azione di mercato. Oltre a favorire l’efficienza attraverso il conseguimento di economie di scala, di scopo e di network, le forme di azione collettiva possono favorire un ribilanciamento del potere contrattuale lungo le filiere agroalimentari.
Ermanno Comegna - 2017-12-05 09:00
DOTT. ERMANNO COMEGNA (agronomo)
Nel Lazio la presenza delle OP agricole è inferiore rispetto a quanto avviene in alcune altre regioni italiane e questo ritardo costituisce un fattore di debolezza del sistema agricolo territoriale. Ci sarebbe bisogno di più produzione organizzata. Ma non solo. Servirebbero anche OP più strutturate, moderne, orientate al mercato, dotate di spiccate capacità innovative e in grado di mettere a disposizione della propria base sociale un pacchetto di servizi qualificati, come la formazione, la consulenza aziendale, l’informazione di mercato, l’assistenza contrattuale e legale, la spinta alla partecipazione ai bandi europei, nazionali e regionali. Credo sia opportuno lanciare un programma di sensibilizzazione sul territorio, per far conoscere agli agricoltori in quali direzioni sta cambiando la PAC e il ruolo sempre più incisivo che è attribuito alle svariate forme di organizzazioni economiche (come le OP, le AOP, le OI) nell’ambito dell’OCM unica. A tali organismi è affidato il compito di svolgere la regolazione del mercato e promuovere il riequilibrio del potere commerciale nella filiera agro-alimentare. Sia la riforma omnibus appena accordata dalle istituzioni europee, sia i primi orientamenti sulla riforma post 2020 vanno nella direzione di valorizzare e accrescere le funzioni delle OP e di altre forme di organizzazioni economica degli agricoltori. Di ciò, se ne dovrà tenere conto nell’ideare e formulare gli interventi di politica agraria a livello regionale.
E’ una iniziativa della Regione Lazio – Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca in collaborazione con Arsial e con il supporto tecnico di Agro Camera.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo